Il Thingyan, AKA le bombe d’acqua

Questi giorni in Myanmar sono i giorni del Thingyan, ovvero il capodanno Birmano. Se volete sapere proprio tutto tutto cliccate qui.

Per chi è pigro, come me, ecco la versione breve: per 5 giorni, che sono festa nazionale in tutto il paese, la gente fa festa. E la festa consiste nello scendere per le strade e lanciarsi acqua addosso. Ubriachi come delle zucchine è meglio. Le ragazze birmane, di solito molto morigerate, sono scatenate (ovviamente questa informazione non viene da esperienza personale, figuriamoci mai) e ballano sui palchi.

Inizialmente concepito metaforicamente per “lavare via” i peccati dell’anno precedente, a me oggi semplicemente sembra più una guerra di gavettoni. Ghiacciati. Vale tutto, dalle 9 alle 6, si può colpire chiunque, tranne ovviamente i monaci e le donne in stato di gravidanza. Credo gli stranieri valgano doppio, considerando quanto si divertono a lavarci.

Comincia venerdì, e allora io, che mi sentivo molto furbo, sono uscito di casa per andare a lavoro alle 8 e mezza. Mi avevano detto che in realtà cominciano anche prima delle 9, quindi avevo messo il computer e tutti i miei altri strumenti elettronici in un sacchetto di plastica. Effettivamente sulla strada regnava ancora la calma, e a 500 metri dall’ufficio in cuor mio sentivo di avercela fatta. Ma all’orizzonte spunta un bambino tutto paffuto, e triste, perché la madre, di fianco a lui, credo non gli avesse ancora dato il via libera. Erano le 9 meno 5. Mi vede, e spunta un sorriso a 32 denti. “Un expat in bici come primo bersaglio, che botta di culo, chissà che anno fortunato” avrà pensato. Io mi avvicino, la madre mi guarda, e lo riprende. Non puoi ancora, deve avergli detto. Poi mi guarda, e le sorrido, come per dire “ok, per me va bene”. Il bambino si illumina (credo in quella bocca ci fossero più di 32 denti), mi corre incontro, e mi lancia una secchiata di acqua gelata in faccia. E scappa ridendo. Maledetto, penso in fondo in fondo, ma me ne vado ridendo.

Nel pomeriggio siamo poi andati downtown, Io, Margherita, Serena e Marco, dove c’è la festa vera. Sembra un rave. C’è un palco enorme con dei cantanti famosi (credo) e gente che balla e si lancia acqua ovunque. Tizi su dei camioncini che si lanciano gavettoni, da uno all’altro. Musica alla Gigi Dag, poi tormentoni Birmani tipo 883, credo. Tutti ballano, e appena ti vedono vogliono ballare con te. Sono tutti sbronzi, di quelle sbronze che prendi a 16 anni quando finisce la scuola. Ma sono le 2 di pomeriggio.

La città è impazzita. In un mondo in cui di solito regna la spiritualità e la calma, sembra di stare in un altro paese. L’atmosfera è bella, sono tutti felici, si divertono tutti, sono sempre tutti gentili. E’ una di quelle situazioni in cui sorridi sempre, spesso senza accorgertene, perché ti trovi in un contesto surreale e divertente.

Fulvione però lo vedo irrequieto, nonostante sia arrivata Maria, la sua ragazza. Il primo giorno sembrava divertito, oggi comincia a dare segni di cedimento. A quanto pare non gli piace tanto essere bagnato. Belin, ma non c’hanno da lavorare questi? Belin se quello mi bagna giuro che scendo dalla bici e…..

Lavato, ma continua a pedalare borbottando.

 

Purtroppo le foto non sono bellissime. Avrei voluto farle con la macchina fotografica, ma non si può proprio. Avere uno strumento elettronico in mano, a quanto pare, non è un deterrente per non essere bagnato.

Qui sotto io, questa mattina, tornato a casa dopo essere andato a fare colazione (lo so, ho una barba da paura).

IMG_20170415_104549

 

 

C’ho messo tanto ad aggiornare il blog, lo so, ma intanto ho scritto un’altra cosa. Se vi interessa, qui potete leggere l’articolo che ho scritto per SALT editions sui miei primi 90 giorni in Birmania.

 

 

Advertisements

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...